Non so dove arriverò

Fuori piove.

Scendono cupe ombre sulla casa, la ricolmano, ed è ormai necessario accendere tutte le luci, riscaldare le stanze dove l’umidità ristagna. Le imposte sono chiuse, ora: non filtra più luce dall’esterno. Serve qualche maglia, un piumone, le scarpe spesse, il trucco autunnale sul volto. Bisogna rassegnarsi all’ottobre, all’estate finita, alle nebbie e alle piogge. Serve rassegnarsi ed accontentarsi degli ultimi spazzi di sole prima dell’inverno, dimenticare il sole sulla pelle le carezze, gli sguardi chiari in un cielo limpido.

Non hai tempo, non hai tempo.

Vuoi per questo tutto il giorno dall’alba a sera, quando la stanchezza farà rigide le tue dita, piangenti gli occhi che troppo hanno guardato, liquida la mente che ha immaginato storie gesti luoghi, che ha intrecciato parole frasi.

Non è bastato tutto il giorno e stanotte sarai spossata per aver vissuto tutta quella vita che hai raccontato intrecciando parole e frasi, immaginando storie, gesti, luoghi; le dita sono rigide e sbagliano a battere sui tasti, gli occhi si confondono e piangono.

Vorresti ancora tempo, hai poco tempo.

E fra poco dovrai alzarti, prendere un libro, passare ad altro. La vita vera, il tuo lavoro quotidiano, sono in attesa. Allontanerai le storie ed i loro personaggi, spegnerai la luce, chiuderai la porta di questa stanza dove ora sei e dove scrivi; dalle finestre le stelle non si affacceranno, stasera, non ti racconteranno chi hanno incontrato cosa hanno veduto mentre solcavano il cielo. Sarà rimpianto, sarà nostalgia, ma non hai più tempo: si fa tardi, devi affrettarti se vuoi ancora riuscire a preparare il viaggio di  domani, è già tardi.

Adesso è notte, fuori piove.

Immagini di Catrin Welz-Stein (Arno), dal web

Scrivo parole ogni giorno.
Non so dove arriverò,
scrivendo.
So che potrei tacere.
Colui che sa, non parla.
Muto nel ventre del tempo
dove uomini gridano, anche.
Lo sguardo
basterà per comprendere e dire
quanto la voce non dice.
Sfioro ogni istante, ogni giorno
l’urlo e il tuono. Vivo intorno.
Potrei fermarmi e attendere.
In silenzio.

Margherita Guidacci

Annunci

19 pensieri su “Non so dove arriverò

  1. lauraluna ha detto:

    Sono d’accordo con Piero.
    La natura nasce femmina in Primavera ma muore maschio in Autunno.
    Leggera e frivola con le prime viole, virile e triste già dalle prime piogge
    che annunciano l’imminente Autunno.

    Ma anche l’Autunno ha un suo fascino, certi lo amano visceraratamente.

    Molto bella ed intensa la poesia della Guidacci!
    BUON AUTUNNO!

    Liked by 1 persona

  2. intempestivoviandante ha detto:

    Potremmo tacere, sì, ma se colui che sa non parla, forse noi parliamo (e scriviamo) per imparare, per conoscere quello che non sappiamo. Il tempo non è mai abbastanza, ma le stelle torneranno ad affacciarsi con le loro storie, e tu evidentemente sai prenderti il tempo per ascoltarle.

    Liked by 2 people

  3. Piero ha detto:

    Anche i cieli e i colori dell’autunno possono regalare emozioni. Forse sta a noi predisporci con l’animo giusto, arrendendoci al fatto che l’estate per un po’ non tornerà. Ma in tutti i tiepidi soli autunnali e invernali possono esserci mille carezze, se non sul viso, sull’anima. Ed io te li auguro di cuore. Ciao, Piero

    Liked by 1 persona

I commenti sono chiusi.