E vai, che la stoffa ce l’hai…

L’abbiamo letto tutti perchè ci faceva ridere, poi abbiamo capito che la sua ironia aveva un fondo molto più profondo; non era solamente la facile caciara delle rime scurrili a cui certi contesti ci hanno abituati…

Così, l’abbiamo letto tutti perchè ci avrebbe sorpresi: un post, un’attesa… Centinaia di commenti, come una lunga partita a tennis e al posto della pallina le parole.

Le parole, i registri linguistici usati scambiati alternati senza sforzo apparente, soprattutto per chi legge; immagini divertenti e a tratti malinconiche, racconti plausibili, verosimili non sempre ma spesso, la verità dove sembra di no e viceversa.

Uno pseudonimo che chissà dove nasconde qualcosa di vero, un nome vero che magari è falso: una porta nuova si è aperta, e al di qua dell’uscio vi sono le logiche commerciali delle case editrici, scrittori che non sanno scrivere – e forse neppure leggere – ma pubblicano e vendono. Al di là, oltre l’uscio, un territorio nuovo, quello di chi se ne infischia e si mette in gioco usando sapienza ed intelletto, coraggio e spavalderia.

Avvocatolo, Massimo della Penna

– o comunque chiunque tu sia, qualunque sia il tuo vero nome –

hai oltrepassato la porta dell’attesa di una risposta, la soggezione che porta a sperare e basta.

A noi, ora, l’ardua sentenza:

sarà vero talento?

Bozza Copertina b-w5

evvai, Avvo’… certo che ti leggeremo!

buona domenica

Annunci

ABOLITI!

Questa torrida estate 2015 passerà di certo alla storia, in Italia; le promesse di rottamare tutto ciò che non funziona nel nostro Paese stanno realizzandosi tutte  grazie all’efficace opera del Presidente del Consiglio e dei suoi efficienti collaboratori.

Oggi è andata in porto la riforma della pubblica amministrazione, quella stessa pubblica amministrazione notoriamente causa della più parte dei mali d’Italia.

Su SGUARDI