Ecco il canto degli angeli: Ildegarde di Bingen

Risultati immagini per Bingen

Bingen am Rhein è una città di 24.134 abitanti della Renania-Palatinato, in Germania.
È il centro maggiore, ma non il capoluogo, del circondario rurale (Landkreis) di Magonza-Bingen.  Bingen si fregia del titolo di “Grande città di circondario” (Große kreisangehörige Stadt). La città sorge nei pressi della congiunzione tra i fiumi Reno e Nahe, ed è vicina a Magonza.

Il sito corrispondente all’attuale Bingen era abitato dai Celti quando i Romani vi arrivarono nel I secolo a.C., costruendo un ponte sulla Nahe e fortificando l’insediamento, noto come Bingium.

Risultati immagini per Bingen

Le notizie su questa città sono scarse, su wikipedia, e non è semplicissimo reperirne altrove, soprattutto se privi, come me,  di conoscenza del tedesco.

Per chi si occupa di filosofia, però, soprattutto di filosofia al femminile, Bingen è legato ad una donna;   filosofa, mistica, scienziata, musicista… santa.

ildegarda

Ildegarda, il cui nome significa  vincitrice delle battaglie, è figlia del nobile Ildeberto di Bermersheim, e sin da piccola dimostra una personalità al di fuori del comune: a 8 anni entra in convento e a 15 prende i voti perpetui. Di salute cagionevole, vivrà sino a 81 anni e dialogherà con le personalità più importanti del suo tempo, da Re Conrad III di Hohenstaufen (1033-1152), zio di Federico Barbarossa (1122-1190), duca di Franconia, re d’Italia, re di Germania e imperatore,  al Papa stesso.

A quarantadue anni  – spinta dalla voce di Dio – comincia a scrivere delle sue visioni; da quel momento le forze le ritornano e scrive la sua prima grande opera, lo Scivias (Conosci le vie). Intanto la sua fama si spande nella regione, giungendo anche alle orecchie del papa che, su consiglio di S. Bernardo, dà a Ildegarda il permesso di rendere noto ciò che lo Spirito le ispira.
Ildegarda  si occupa di moltissime scienze, di medicina e fitoterapia in particolare. Detta ciò che le sue visioni le indicano e ne fa dipingere immagini.
Sempre più numerose sono le giovani che bussano alla sua porta per essere accolte in monastero;  decide così di fondare un nuovo convento sulla collina di Rupertsberg, vicino alla città di Bingen, alla confluenza di due fiumi. Dopo una fase travagliata, con rapporti difficili con la comunità monastica maschile, il nuovo convento si consolida lentamente finchè la Santa ottiene la protezione dell’arcivescovo di Magonza e dello stesso imperatore, Federico Barbarossa.

Hildegard von Bingen

Hildegard possiede anche una approfondita conoscenza delle malattie ed ha elaborato un modello di vita che prevede una sana alimentazione e l’uso delle erbe. La salute è intesa come fisica e spirituale insieme, riguarda il corpo e l’anima, i quali devono essere in costante equilibrio. Ella considera ogni cosa, ogni uomo ed ogni evento intimamente connessi ed interdipendenti. Nel suo piccolo mondo l’uomo può sperimentare, nell’anima e nel corpo, l’intelligenza e l’ordine universali. Nonostante questo la responsabilità del singolo rimane intatta, così come la sua libertà di scegliere tra il bene e il male. In questa visione unitaria salute e malattia dipendono quindi dall’equilibrio non solo tra corpo e anima, ma anche tra microcosmo-uomo e macrocosmo-universo. La salute è dunque intesa da Hildegard anche come “salvezza” dell’uomo. E’ inoltre  convinta che, proprio per la la corrispondenza di uomo e universo, inscindibilmente legati, il malessere dell’uno si ripercuota sull’altro, perciò, per raggiungere o riacquisire il benessere psico-fisico, l’essere umano doveva ri/attingere le energie necessarie dal mondo circostante, essendo parte del tutto, giacché i suoi disturbi dipendevano proprio dalla perdita dell’armonia con l’ambiente esterno.

Uomo e universo sono composti allo stesso modo: aria, acqua, fuoco e terra ne sono gli elementi di base, la viriditas ne anima ogni cosa.
Diversamente dall’imperante disprezzo per il corpo della sua epoca, Ildegarda vi legge un aspetto essenziale del creato, portatore della possibilità di espressione del divino celeste.

 Risultati immagini per Bingen

La sua fama di santità cresce e si diffonde con il tempo, legata appunto al dono della profezia che accompagna le sue visioni.

Risultati immagini per Bingen

 Le opere: musica, arte, poesia, scienza e fede

Fusione di testi, immagini e musiche qualcuno ha proposto di classificare le opere di Ildegarda come “multimediali”.
Ildegarda ha utilizzato in modo potente lo strumento delle immagini, attingendo e riformulando il grande patrimonio dell’immaginazione medievale, che non era semplice frutto di fantasia ma era carica di significati e di valori. Le sue visioni sono infatti delle straordinarie figurazioni intellettuali e immaginifiche sviluppate sulla base dell’immaginario collettivo dell’epoca (poichè Dio le parlava dall’interno della sua cultura) nel quale erano attivi anche elementi naturalistici e astrologici ereditati dall’antichità precristiana. Le magnifiche miniature che raffigurano le sue visioni (quelle dello Scivias furono eseguite molto probabilmente sotto la sua guida diretta) sono immagini simboliche statiche; la santa vedeva invece immagini dinamiche.

Anche la scelta dei colori che caratterizza le immagini delle sue visioni illustrate dalle miniature non è una semplice ripetizione dei motivi simbolici della tradizione. Ad ognuno dei colori utilizzati (rosso e verde in particolare) Hildegard attribuisce una molteplicità di significati, in parte tradizionali, in parte originali.

Hildegard ha lasciato opere che toccano tematiche teologiche e filosofiche, naturalistiche e mediche. Fra queste le più imponenti sembrano scritte con lo stile tipico delle “rivelazioni profetiche”: si tratta dello ”Scivias”, del “Liber vitae meritorum” e del “Liber divinorum operum”. Si ricordano inoltre un’opera naturalistica, un’autobiografia, liriche di contenuto religioso, lettere, canti spirituali ed un esempio di dramma liturgico: l’ “Ordo virtutum”.

Risultati immagini per Bingen

Fu probabilmente la prima donna musicista della storia cristiana, o forse della storia tutta.

Il suo pensiero  si fonda completamente su equilibrio e senso della misura, sulla capacità di godere pienamente di tutto ciò che Dio mette a disposizione dell’uomo, ma senza abusarne.
E tra le cose buone e belle che Dio ci ha donato c’è, appunto, la musica. “Il corpo , in verità, è il vestito dell’anima, che ha una viva voce e perciò è giusto che il corpo, attraverso la voce, canti con l’anima lodi a Dio”, dice lei stessa.
Per Hildegard la musica è il mezzo privilegiato che unisce l’uomo a Dio ed il canto rappresenta una delle più alte e gioiose espressioni della preghiera. La musica ricrea sulla terra l’armonia perduta e permette di immaginare quella della fine dei tempi. Nei canti spirituali di Hildegard ritornano tutti i temi del suo pensiero, non nella forma disarmonica del linguaggio, ma ordinati e resi vivi dalla musica.
Pur non possedendo una cultura musicale Hildegard compone brani che mescolano la tradizione del canto gregoriano ad intuizioni che precorrono i tempi, anticipando addirittura il linguaggio tonale. Lei stessa afferma: “Composi anche canzoni e melodie in lode di Dio e dei Santi, senza che nessuno me lo insegnasse, e le cantavo, anche se nessuno mi aveva insegnato la notazione musicale e il canto”.

Risultati immagini per Bingen

 

 Per chi volesse approfondire la figura di questa donna eccezionale, questi i siti di riferimento, ai quali ho abbondantemente attinto

http://www.letteraturaalfemminile.it

http://www.santiebeati.it

http://www.ilcerchiodellaluna.it

Risultati immagini per Bingen

2 pensieri su “Ecco il canto degli angeli: Ildegarde di Bingen

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...