Ehi notte

Nessuno per le strade, nessuno.
Neppure il vento, neppure un soffio leggero, un lucido stillare del ghiaccio che ricopre gli arbusti. Sono serrate le imposte, dormono gli animali nelle loro tane, riposano gli uccelli nei nidi; tutto tace e l’Universo osserva il lento fluire del tempo, in questa notte invernale fredda, colma di silenzio.
E’ sempre la stessa, la strada, anche se deserta; sono sempre uguali le case, non sono cambiati – gli alberi – ora che nessuno li vede. Ogni cosa tiene gli occhi chiusi e sogna, si rimbocca le coltri e si rigira nel tepore del suo giaciglio, poi si abbandona al lento fantasticare incosciente della notte.
Brilla solitaria qualche luce, tremola appena; la luna, sospesa nel cielo, guarda giù compassionevole il tacito deserto che è ora il mondo. Sospira benevola,  si allontana.
Nessuno neppure lassù, nessuno.
Annunci

Buona serata

Risultati immagini per immagini libreria

E per concludere, per prepararci a domani:

Così di notte, quando tutto era silenzio nella strada,
io scavalcavo la finestra e camminavo con le scarpe in mano,
e m’infilavo nella luce fioca della sua bottega,
per sentire la voce di quel piccolo uomo.

Così di notte in quella stanza dove mi dimenticavo il tempo,
io stavo ad ascoltarlo di nascosto mentre lui leggeva
parole di romanzi e

versi come cose da toccare
e al frusciare di pagine mi sentivo volare…

e le parole come musica di seta
mi prendevano per mano,
e mi portavano lontano dove il cuore
non si sente più lontano:
dentro le immagini, nei libri e nella pelle
di chi aveva già vissuto cose tanto uguali a me;
nella follia d’essere uomo e nelle stelle
per andare oltre il dolore più inguaribile che c’è;
e le parole si riempivano d’amore,
le sue parole diventavano d’amore,
le sue parole diventavano l’amore

Così la notte,quando gli incendiarono la casa,

e la gente rideva e diceva che era finalmente ora,
capii che c’è davvero una diversità infinita
tra imparare a vivere e imparare la vita:

guardavo il pifferaio che si portava dietro le parole
e se le trascinava nella luce bianca della luna:
non si voltò, non si voltò neanche a salutare,
se le prese su tutte, e le gettò nel mare…

e le parole del libraio da quella sera
se ne andarono per sempre,
e mi lasciarono con gli occhi di un bambino
che non può sognare più:

tutte le notti torno con le scarpe in mano
per vedere se da qualche parte le riporterai;
di giorno provo a ricordarmele, ma invano,
troppi uomini non cambiano e non cambieranno mai:

parlano tutti, ma non dicono parole,
le loro cose non diventano parole:
mi manchi tu, mi mancano le tue parole…

Ma ci son sere che scendendo verso il mare
mi sembra come di sentirti, e non ti vedo:
ma se m’illudo che sia ancora tutto vero
quasi ci credo.

© Roberto Vecchioni