Tornano

Risultati immagini per quadri renoir

Tornano i trilli, le voci, i dolci singulti del vento ancor fresco tra le foglie sopravvissute all’inverno; tornano, i trilli dei passeri stanchi di freddo e di carestia.

Vola una farfalla minuscola, d’un azzurro sbiadito, fra le sterpaglie del giardino verso l’orto, dove i rami secchi dell’inverno si confondono con l’erba nuova. Il sole è alto, e segna una nuova vittoria contro il cielo slavato. Passa un’automobile sulla statale.

Il sedici febbraio è dopo San Valentino, è quando ormai lo Scirocco irrompe e placa l’inverno; tornano allora le mosche e i calabroni, tornano le foglie le gemme i piccoli fiori di campo, tornano i sogni di Primavera i desideri di una vita intera. Tornano come le onde, l’infinita risacca che nessuno scoglio spaventa: non è il tempo che passa sempre uguale nè la casa che muta attende, non è il libro che leggi ogni sera nè il cuore che batte ogni tanto più forte. Nulla è stato, sarebbe, è: e tornano i sogni, i desideri di una vita intera. Bussano piano e vogliono farsi mare, l’eterno fluire l’immenso nascondere inimmaginabili  sconosciuti tesori, appena intravisti nelle profondità dell’acqua.

Vola una cappellaccia, o forse è un’allodola: non ne senti il verso, non ne vedi bene il colore. Il sole è alto, ora finalmente un poco riscalda e scioglie la brina della notte. Suona lontana la campana della cattedrale.

Tornano le parole intrecciate come lunghi capelli d’oro, il veloce ticchettio dei tasti, la ricerca della più bella storia da raccontare. Resta questo lago grande che mare forse non sarà mai.

 

Risultati immagini per quadri renoir

Quadri di Renoir

Non sono onde 

Non sono onde. Ne avrebbero forse
l´intenzione, increspature leggere,
rughe dell’ acqua, e basta.
Non sarà mai tempesta,
questo lago, scarso coraggio
di farsi mare: se accoglie un fiume,
lo placa, lo annulla in una quiete
casta. E cosí niente corse né fughe
di pesci, ma vaghi girotondi,
guizzi di piume d’ anatra in festa.
Bisogna aver paura di chi non sa osare:
laghi colline periferie.
Acque chete e profonde celano
malefici, stregonerie.
Alida Airaghi

 

Annunci